top of page

Blog

COS’È E COME SI CALCOLA L’IMPOSTA DI REGISTRO? UNA GUIDA PRATICA

Aggiornamento: 12 apr



L’imposta di registro, come suggerisce il nome, è una tassa che deve essere corrisposta per ottenere la registrazione di un atto all’interno di un registro ufficiale. Questa tassa ha un duplice scopo: fornisce un’entrata fiscale e remunera lo Stato per il servizio offerto ai privati, vale a dire conservare traccia di particolari atti in modo da conferire loro certezza giuridica.

L’imposta di registro riguarda infatti atti di notevole importanza, relativi a beni che necessitano di essere protetti, in modo che nessuno, oltre ai legittimi proprietari, abbia modo di vantare interesse o pretese su quello specifico bene.

L’imposta sulla registrazione degli atti è disciplinata dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 131/1986 (Testo Unico dell’imposta di registro).



Quali sono gli atti che necessitano l’imposta di registro

Come riportato dal sito dell’Agenzia delle Entrate, gli atti che devono essere registrati e richiedono dunque il pagamento dell’imposta di registro sono:

  • gli atti formati per iscritto nel territorio dello Stato;

  • gli atti formati all’estero, che comportano trasferimento della proprietà o costituzione/trasferimento di altri diritti reali, anche di garanzia, su beni immobili o aziende esistenti in Italia, nonché quelli che hanno per oggetto la locazione o l’affitto degli stessi;

  • i contratti verbali di locazione o affitto di beni immobili esistenti in Italia (e relative cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite);

  • i contratti di trasferimento e affitto di aziende esistenti nel territorio dello Stato e di costituzione/ trasferimento di diritti reali di godimento sulle stesse (e relative cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite).


Come si calcola l’imposta di registro

Per calcolare l’imposta di registro è necessario conoscere il valore catastale dell’immobile, reperibile sulla visura catastale. Questo dato deve essere moltiplicato per 1,05 prima e successivamente per 120. L’imposta di registro dovuta risulta dunque pari al 9% del prezzo-valore così ottenuto, arrotondato a € 1.000,00 se inferiore. Per la prima casa l’imposta di registro è agevolata ed è pari al 2% e non al 9 per cento.


*Questo contenuto ha scopo informativo e non ha valore prescrittivo. Per un’analisi strutturata su ciascun caso personale si raccomanda la consulenza di professionisti abilitati.

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page